Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. 

Caratteristiche dell’olio di cocco

 Le piante di cocco sono presenti nelle zone tropicali in Asia, Africa e America Latina e la presenza del frutto e dei suoi prodotti è inserita nella tradizione popolare già dai tempi antichi sia come alimento che come prodotto che genera bellezza e salute.

A temperatura ambiente l’olio di cocco è di consistenza solida simile al burro e si presenta invece come forma liquida oleosa quando la temperatura si alza sopra i 20 °C.

Questa sua caratteristica è importante per lo stoccaggio infatti per tenerlo e utilizzarlo è importante ricordare che in estate si può contenere in una bottiglia e l’olio uscirà senza problema, ma se fossimo in inverno non uscirebbe dalla bottiglia in quanto sarebbe tornato allo stato solido, quindi il consiglio è di mantenerlo in un contenitore più ampio con un bel coperchio e con la possibilità di estrarlo con cucchiaio o coltello.

Questa solidità lo rende stabile e utile per la preparazione di piatti stuzzicanti in cucina oltre a poterlo usare anche semplicemente spalmato sul fette di pane tostato.

La composizione dell’olio di cocco è prevalentemente di acidi grassi saturi sino al 90% che hanno nomi quali laurico, caprinico, caprilico e caprico.

L’acido laurico è un acido grasso fondamentale per l’uomo ed è infatti contenuto anche nel latte materno visto che soltanto la ghiandola mammaria è in grado di produrlo nel momento dell’allattamento poi per averlo l’uomo deve cercarlo nei cibi e primo fra tutti è proprio l’olio di cocco.

L’acido laurico viene considerato l’acido grasso più digeribile per l’uomo, infatti non necessita nemmeno degli acidi biliari e porta con se proprietà antimicrobiche e antifungine che proteggono e rinforzano l’intero organismo. Alcuni studi riportano scoperte che l’acido laurico è utile contro retrovirus quali l’herpes, l’influenza e persino l’HIV.

Altra bella notizia è data dal fatto che l’olio di cocco è termogenicocioè è capace di aumentare il nostro metabolismo e quindi favorisce il calo di peso normalizzando i livelli di colesterolo e aiutando il sistema immunitario.

 

Proprietà e utilizzo dell’olio di cocco

Nell’industria alimentare soprattutto nei paesi della zona equatoriale è molto utilizzato.

In cucina è possibile utilizzarlo per preparare torte e leccornie sostituendo i 100 gr di grasso solitamente utilizzato con 75 gr di olio di cocco. Ottimo anche per fritture e per impasti di paste frolle e dolci vari

Il vantaggio è la sua stabilità che diminuisce inoltre il rischio di irrancidimento. Se però ossida e arriva l’irrancidimento allora si trasforma in olio idrogenato e diviene così un prodotto estremamente pericoloso che espone persino a rischio di malattie cardiovascolari quindi va prestata attenzione all’uso domestico e all'etichetta dei prodotti alimentari confezionati dove non deve essere presente l’idrogenazione.

L’uso nel campo del benessere del corpo, per la prevenzione alla salute è conosciuto come un buon alleato perché normalizza i grassi e gli zuccheri nel sangue; quindi nella prevenzione del diabete è consigliato visto che migliora la bilanciatura tra zuccheri e insulina in circolo.

Ha proprietà antivirali, antibatteriche e antifungine date dall’acido laurico di cui è composto ed è anche un olio con proprietà antiossidanti grazie alla presenza di altri composti come la vit E. Ricordiamo che malattie quali la Candida sono infezioni fungine e quindi l’olio di cocco può essere utile nei trattamenti specifici a questo problema. Inoltre contiene vitamine K e J, con qualche tracia di ferro minerale.

In generale rinforza il sistema immunitario, aiuta il cuore e la tiroide grazie al fatto che promuove l’assorbimento dei sali minerali in modo particolare il magnesio e il calcio importanti per la contrattilità dei muscoli, per la struttura scheletrica, per le unghie, i denti e i capelli secchi o ricci.

Protegge il fegato da tossine e dall’alcool e di conseguenza anche i reni e la vescica sono mantenuti in equilibrio grazie alla sua azione di detossificazione e regola anche l’equilibrio acido-base del corpo.

In cosmesi la pelle ne giova in bellezza, elasticità e morbidezza se applicato ad uso esterno come crema o ingerito come integratore alimentare. Ottimo semplicemente come struccante per il viso o come effetto crema idratante dopo la doccia.

Viene utilizzato come idratante per i capelli applicato a contatto sul capello umido e lasciato in posa da 15 minuti a qualche ora. Perfetto anche per le pelli più delicate, per le zone particolari quali le labbra e contorno occhi e persino per la pelle dei bambini.

Curiosità sull'olio di cocco

Anche per l’olio di cocco sull’etichetta utilizza la parola “vergine” per quel prodotto che è stato estratto solo per pressatura e spremitura, senza aggiunta di solventi chimici a velocizzare l’estrazione, senza raffinazione, deodorazione, decolorazione e idrogenazione dell’olio di cocco.

Per scegliere un olio di cocco di alta qualità è quindi consigliato leggere bene l’etichetta e cercare riferimento alla dicitura “olio di cocco extra-vergine o vergine” e meglio ancora se da origine di agricoltura biologica che ci garantisce di non utilizzare prodotti chimici di sintesi quali pesticidi e fertilizzanti nella costivazione delle piante di cocco.

 

Una ricetta di bellezza

Per preparare una crema scrub per il bagno basta prendere un bicchiere di plastica con 2 cucchiai da cucina di olio di cocco, un cucchiaio di sale fino e un altro cucchiaio di zucchero di canna. Dopo aver lavato il corpo con il sapone e essersi risciacquati per bene, si applica il composto sulla pelle ancora umida massaggiando la pelle e lasciando agire qualche minuto. Infine risciacquare bene con l’acqua corrente. La pelle sarà morbida, idratata e dolcemente vellutata.

E’ possibile aggiungere nel composto precedente una goccia di olio essenziale con la profumazione desiderata per dare una fragranza speciale alla pelle ad esempio con olio di lavanda o di fiori di arancio o di gelsomino.

 

Usa l'olio di cocco come doposole vegetale